ITALIA: LETTERA DAL 2050#

Caro italiano del passato,

IMG-0058.jpg

ti sto scrivendo dall’anno 2050. Sono seduto sulla panchina di un parco, con il mio vecchio tablet in mano, illuminato dal sole di Dicembre. L’aria è fresca, il cielo terso, si sta un incanto.

Davanti a me, un gruppo di bambini gioca a pallone: le loro grida divertite risuonano fino ai palazzi del quartiere, dove qualcuno sta già preparando il pranzo. Uno di loro ha calciato la palla facendola rotolare fino ai miei piedi. Ho alzato lo sguardo dallo schermo e mi sono chinato a raccoglierla. Quando ho rialzato la testa, ho incontrato gli occhi di un bambino impaziente ma educato.

“Grazie, signore!”

Un sorriso, un saluto affrettato e in pochi istanti la palla era di nuovo contesa in mezzo al prato. In quel momento, guardando quei bambini spensierati, ho pensato a te. E ho pensato a me, quando avevo la tua età. Per questo, ho deciso di raccontarti il mio mondo.

Vivo in un’Italia molto diversa dalla tua. Certo, alcune cose sono rimaste immutate. Ma credimi, sono quelle che io e te non avremmo mai voluto cambiare. Il resto, tutto il resto, ciò che ci impediva di stare bene, è scomparso. Dissolto.

Tu vivi in un paese dove povertà e disoccupazione tengono incatenate milioni di persone. Qui, invece, non è più così. Abbiamo dato vita a politiche di piena occupazione e di sostegno agli indigenti. Il lavoro è tornato ad essere un diritto, non un privilegio o una generosa concessione al prezzo della dignità di un uomo. E con esso la casa: nessuno è lasciato a dormire sotto i ponti, nessuno è costretto ad occupare abitazioni e lottare per un tetto.

Lo so, ti starai chiedendo: con quali soldi? Con quali “coperture”?

Sorrido. Sono domande legate ad un’epoca che, fortunatamente, è solo un ricordo. Un brutto ricordo.

Da noi si imparano sin da piccoli i fondamenti dell’economia. Tutti sappiamo come funziona la moneta, quali sono i poteri dello stato, cos’è il debito pubblico. Sappiamo il ruolo delle banche, delle agenzie di rating (quelle poche che sono rimaste), dei fondi, dei prestiti. E conosciamo i nostri diritti e i fondamenti della nostra Costituzione, il primo libro che i nostri figli leggono sui banchi di scuola. Tutte cose che, nell’Italia del tuo tempo, sono volutamente dipinte come astruse, quando non totalmente celate.

Sapessi come riderebbe un nostro studente del liceo se gli dicessi “non possiamo spendere perché c’è lo Spread” o “se facciamo deficit i nostri figli pagheranno il debito”. A ben pensarci, persino ad un bimbo dei miei giorni scapperebbe un sorriso. Sono menzogne che hanno giustificato vergogne terribili, tragedie sociali che ti sono continuamente raccontate come sacrosante e inevitabili.

L’Italia ha di nuovo una sua moneta: la Lira. L’epoca dell’Euro è descritta nei nostri libri di Storia come “il Blackout della ragione”. Un ventennio di follia economica, politica e sociale. È un po’ come quando si studiano i processi alle streghe del ‘600 e si guardano le illustrazioni di giovani, innocenti donne condannate al rogo. Tutti si domandano, oggi, come sia stato possibile. Per non dimenticare, su ogni nostra banconota e moneta è stato inciso:

LA SOVRANITÀ APPARTIENE AL POPOLO

Un concetto semplice e allo stesso tempo vitale per tutti noi. E per voi, se solo lo capiste. Ma dovrà accadere ancora tanto, dovrete soffrire ancora, prima del grande risveglio. Io lo so, perché c’ero. Conosco le tue paure irrazionali, erano anche le mie. Saprei elencare una ad una le tue domande, conosco quanto brucia la rabbia di chi non può concepire un’alternativa a ciò che sta vivendo.

Purtroppo la tv, le radio e i giornali della tua epoca non potrebbero mai aiutarti a prendere coscienza del tuo tempo. A proposito, la tv è quasi estinta. La stragrande maggioranza dell’informazione vive su internet, libera dalla censura che, proprio nei tuoi anni, si cerca di imporre alla rete. Visionare le vecchie puntate di Piazza Pulita o Ottoemezzo ci fa lo stesso effetto dei cinegiornali dell’Istituto Luce, durante il fascismo: una tragicomica montagna di propaganda!

La mia Italia è rinata. Le nostre imprese sono leader in tantissimi campi. Siamo un’economia in ottima forma: esportiamo in tutto il mondo senza dover svalutare il costo del lavoro. Il Made in Italy è il marchio più forte che esista e lo difendiamo a spada tratta. L’artigianato e le nuove tecnologie hanno trovato un’armonia incredibile. Cibi secolari e macchinari all’avanguardia, vini e microchip, manifattura e robotica: stiamo vivendo un nuovo Rinascimento.

Passato e futuro camminano a braccetto. Ci siamo liberati dell’orrenda ideologia globalista che avvelena il tuo tempo. L’amore verso la propria terra e le proprie radici non è più demonizzato, anzi, oggi sappiamo che senza di esso non può essere costruito l’avvenire. I nostri studenti imparano a rispettare il territorio in cui nascono, le tradizioni, l’identità e i costumi del loro paese. E quando viaggiano non lo fanno da insipidi e indottrinati “cittadini del mondo”, ma da consapevoli cittadini italiani, fieri di ciò che sono e pronti ad apprendere nuove idee per migliorare l’Italia e aiutare gli altri popoli in difficoltà. Partono e tornano. Altro che quella minestra incolore della generazione Erasmus, loro sono davvero il nostro vanto più grande.

Le università e le scuole italiane sono state rimesse in sesto. Gli investimenti nell’istruzione hanno risollevato le fucine dei cittadini del domani. Non solo dal punto di vista finanziario ed organizzativo, persino da quello strutturale ed edilizio.

Già, perché se vedessi ciò che ho intorno io, proprio ora, faticheresti a riconoscere il luogo in cui mi trovo. Eppure è quello in cui sei nato e cresciuto tu, assieme a me. Solo che la tua è una squallida e anonima periferia, mentre la mia è una città rifiorita, riqualificata e riprogettata tenendo in considerazione lo stile e il retaggio della zona. Gli orrendi edifici post-bellici che avevano massacrato il paesaggio italiano sono stati buttati giù e ricostruiti secondo canoni tradizionali, coniugando il tutto agli ultimi ritrovati nel campo dell’energia, dello smaltimento dei rifiuti, delle comunicazioni. L’Italia è il paese più bello del mondo da Nord a Sud, dal centro delle città fino alle ultime abitazioni. Sapessi quanti artisti, quanti architetti, quanti ingegneri sono stati chiamati a dare una mano in questa immensa rinascita edilizia!

E mentre il nostro paese fioriva come non mai, tanti italiani sono tornati in Patria.

Patria. So che nella tua Italia questa parola è osteggiata, derisa, censurata. Nella nostra Italia, invece, è usata nel suo significato più nobile: la terra dei padri. Per continuare a sentirci legati a chi ci ha preceduto e responsabili di ciò che lasceremo ai nostri figli.

Sì, gli italiani sono tornati a far figli. Non solo grazie a politiche di aiuto alle famiglie, ma anche grazie ad una nuova narrazione. La famiglia non è più dipinta come un peso, un’impedimento alla realizzazione personale ed egoistica dell’individuo. Essa è la colonna portante della nostra società: un dono di cui lo Stato deve tener conto.

A te, invece, viene ripetuto in continuazione che per risolvere la bassa natalità è necessario aprire le frontiere ad un’immigrazione di massa incontrollata. Bene, sappi che quella vergogna storica, oggi, è finita. Ed è stata proprio l’Italia a farsi promotrice della battaglia ai trafficanti di esseri umani. Abbiamo aiutato gli stati africani a liberarsi del giogo del Franco Africano francese e svilupparsi, interrompendo l’emorragia di forza lavoro. Abbiamo processato ed incarcerato tanti farabutti che lucravano sulla tratta dei migranti, molti dei quali siedono e pontificano impunemente negli studi televisivi che conosci bene. I negrieri delle ONG sono spariti dal Mediterraneo: la triste tomba d’acqua è tornata ad essere il centro del mondo, un paradiso di scambi commerciali e stile di vita salutare.

E l’Europa? L’Unione Europea non esiste più, è crollata miseramente sotto il peso della sua stessa natura antidemocratica. Gli stati europei sono tornati sovrani, legati da accordi commerciali equi, liberi dagli strozzini dell’alta finanza. Germania e Francia hanno perso il loro primato e sono costrette ad accettare un’Italia prospera. Liberi da vincoli insensati e dotati di una nostra moneta, stiamo vivendo un boom economico degno del trentennio glorioso. Con una differenza: stavolta nessuno potrà tradirci, convincendoci a perdere il controllo sulla nostra Banca Centrale o a firmare trattati suicidi. D’altronde, i partiti, i simboli e le sigle del grande tradimento ai danni degli italiani appaiono solo nei documentari sul passato.

Avrei ancora tanto da raccontarti. Ma voglio fermarmi qui.

Inspiro profondamente e torno a guardare i bambini che giocano. Vorrei che quella felicità e quella leggerezza ti raggiungesse attraverso il tempo e lo spazio. Non accadrà. Nemmeno questa lettera ti arriverà, lo so bene. Tuttavia, scriverti mi ha liberato di un peso. Volevo solamente dirti di avere fiducia e coltivare la speranza, di tenere duro e non lasciarti andare allo scoramento. Le cose miglioreranno, cambieranno e si trasformeranno nel mondo che tutti noi meritiamo di vivere. E che tu ci creda oppure no, sarà proprio grazie a quelli come te.

La mia Italia è stupenda, credimi. Vale la pena viverci ed esserne orgogliosi.

Ti aspetto qui.

di Matteo Brandi (MePiù)

Pub: Jun 05 2019 11:05 UTC
Views: 82